2P/B

Avvicinarsi al concetto 2P/B

Ogni passo è una meta, ma l’obiettivo non è percorrere un sentiero segnato da altri, piuttosto trovare la propria strada facendo attenzione ai giusti compagni di viaggio

Equilibrio

Struttura, Psiche, Biochimica, sono gli elementi a cui si fa riferimento quando si parla di salute e benessere, l’equilibrio di questi elementi è infatti una condizione imprescindibile per la nostra salute. Tutti noi conosciamo l’importanza di questo equilibrio, ma occorre chiederci se facciamo abbastanza perché questo avvenga.

Raro cade chi ben cammina

Walk in balance fa riferimento alla celebre frase di Leonardo da Vinci “raro cade chi ben cammina”, ma sottintende anche un cammino inteso come stile di vita.

Se la corretta postura ha delle leggi di base che sono l’equilibrio, l’economia ed il confort, lo stile di vita non è da meno e richiede un perfetto equilibrio tra psiche, struttura e biochimica.

Cosa significa dichiarare di praticare il metodo 2P/B ?

Significa aver compreso almeno i concetti più semplici alla base di questo modo di proporre il benessere attraverso una educazione al movimento collegato ai fattori di base del corretto stile di vita.

Da un punto di vista dei metabolismi di liberazione di energia, il 2P/B si basa:

1- sulla LENTEZZA, sul così detto “lento lungo”, cioè bassa intensità grande volume.

2- sulla gradualità dello stimolo, che mira a ridurre al minimo lo stimolo anaerobico, al fine di evitare stress, che nella maggioranza dei praticanti di questa metodica, non essendo degli atleti, sarebbe dannoso.

3- nel muoversi apprezzando la grande azione che il paesaggio e l’ambiente naturale rivestono nel nostro benessere.

Da un punto di vista biomeccanico il 2P/B si basa:

1- sulla riduzione delle sinusoidi trasversali e sagittali, riportandole ad un ambito fisiologico, al fine di ridurre al minimo la dispersione di energia determinata da un incremento della variazione di accelerazione.

2- sull’utilizzo di una dinamica che prevede l’equilibrio e non la stabilità, come fattore prioritario nella deambulazione.

3- sull’utilizzo della controrotazione tra asse bisiliaco e asse bisacromiale coordinata con l’utilizzo della bascula sul piano frontale del bacino, al fine di stimolare l’alternanza dello sviluppo delle curve vertebrali sul piano frontale.

4- sull’anticipo rotatorio del bacino rispetto alla flessione del femore, al fine di ridurre la tensione dello psoas sul tratto lombare, e non solo, della colonna vertebrale.

5- sul non intervento volontario della tenuta degli addominali, lasciando al sistema autonomo il suo ruolo naturale di intervento (fisiologico) sul complesso equilibrio deambulatorio/respiratorio.

6- significa discriminare la funzione dell’arto superiore tra: a) arto prensile (funzione umana) e b) arto portante (funzione quadrupedica).

Questi sono i concetti basilari, ma non unici, che sono stati spiegati nell’arco di anni nelle forme più semplici possibili anche ai non addetti ai lavori.

Cosa significa non aver compreso il metodo 2P/B ?

Da un punto di vista metabolico:

1- Significa utilizzare una metodica “palestrara” di derivazione pseudo-sportiva, che fa riferimento alla metodologia dell’allenamento degli atleti, molto in voga nelle palestre cittadine che devono rispondere ad una esigenza di mancanza di tempo, per cui lavorano sul TUTTO SUBITO, concentrando lo sforzo in poco tempo. Questo è sicuramente meglio che restare sedentari, ma è sicuramente meno salutare che non uno stimolo più graduale e fisiologico per quella fascia di praticanti che sono caratteristici del nostro ambiente.

2- Significa sottoporsi ad allenamenti utilizzando formule (vedi Karvonen) senza valutarne e discriminarne le differenze rispetto ad altre, soprattutto senza considerare che quelle formule sono nate per gli atleti.

Da un punto di vista biomeccanico:

1- Significa utilizzare prioritariamente il concetto di stabilità rispetto a quello di equilibrio, limitando l’azione dell’alternanza delle fasce elicoidali, che stanno alla base della deambulazione fisiologica.

2- Significa non dare rilevanza alla riduzione delle sinusoidi trasversali e sagittali.

3- significa utilizzare l’arto superiore come arto prensile nell’atto della spinta sul bastoncino.

4- significa non lasciare libera la fisiologica azione del sistema autonomo, dando indicazione di “tenuta” volontaria dei muscoli addominali mentre si cammina.

 

Per coloro che vogliono acquisire l’attestato di insegnante del metodo 2P/B Walk in Balance propone la seguente progressione didattica:

Prima di intraprendere la formazione come insegnanti occorre fare  pratica all’interno di una organizzazione  guidata da un Istruttore certificato WIB.
Ogni insegnante è tenuto a frequentare almeno un retraining all’anno con la Direzione Tecnica
Propedeutico = una giornata con un istruttore esperto
Assistente = due giornate teorico pratiche con i Formatori
Istruttore = tre giornate teorico pratiche con i Formatori
Marestro = tre giornate teorico pratiche con i Formatori
Percorso EDB è un percorso specifico per gli Educatori al Benessere (vai alla pagina specifica)